Amanti del luppolo a me! Se anche voi adorate i locali in stile bavarese con birra alla spina a fiumi, stinco con patate e altre specialità simili non potete perdere le 4 migliori birrerie di Merano (tutte testate, anzi gustate da noi)!

Per chi non conosce la storia di questa città va detto che antecedentemente alla prima guerra mondiale Merano era austriaca, sarà per questo le birrerie sono così “autentiche”? Ma bando alle ciance ed entriamo nel primo locale:

Augustiner in Meran

È situata in pieno centro a Merano, lungo la famosa via dello shopping dei Portici. Non è solo birreria, ma anche locanda con sole 4 suites. Si serve l’omonima birra alla spina (Edelstoff/Lager – Dunkel/Ambrata – Lagerbier Hell/Lager ed eventuali di stagione Nataliza/Pasquale ecc.) e in bottiglia (Weißbier, Pils e Radler – ma di Radler non vogliamo nemmeno sentir parlare, vero?) e il menù è tipicamente bavarese: Brezel, speck, salumi affumicati, canederli, spätzle, cotoletta e stinco. Il locale interno non è molto grande, in estate si aggiunge anche il giardino, ma è sempre consigliabile prenotare, l’atmosfera è quella che si può trovare in qualsiasi birreria di Monaco di Baviera con rivestimenti in legno, tavoli spartani dove ci si apparecchia da soli con tovaglioli e posate nel boccale al centro. Si mangia bene, anche se francamente non è il mio locale preferito a Merano.

Gli spätzle all‘uovo della Birreria Augustiner in Meran

Bierstüberl Gatto Nero

É una delle due birrerie Forst a Merano ed è la mia preferita, in assoluto! Solo per il nome e il logo ha tutta la mia simpatia e poi è decisamente più piccola e raccolta rispetto alla Forsterbräu Meran, l’arredamento è sempre in legno, ma più ricercato della precedente Augustiner e anche il menù è leggermente differente dalla Forst principale, sempre con specialità tipiche, ma più elaborate, per esempio, il canederlo di barbabietole l’ho trovato solo qui. Si trova nei pressi del teatro di Merano in una via poco frequentata, si sviluppa su due piani, ma non ci sono tanti posti a sedere quindi è d’obbligo la prenotazione. Come nella più grande Forsterbräu si beve Forst, ammetto che prima di andare a Merano non apprezzavo molto questa birra, ma dopo aver gustato la Sixtus alla spina (che qui da noi non si trova nemmeno in bottiglia), ho cambiato decisamente idea.

La wienerschnitzel con patate del Gatto Nero

Forsterbräu Meran

Non si può andare a Merano senza cenare almeno una volta alla Forsterbräu! Anche se la mia preferita è il Gatto Nero, dovendo scegliere tra le due, consiglio sicuramente questa. É situata nella via principale del passeggio e non può passare inosservata perché è enorme! Tuttavia consiglio sempre di prenotare perché è anche quasi sempre piena. Ha diverse grandi sale, purtroppo non ho avuto il piacere di cenare in tutte e non ho idea se si possa scegliere in quale mangiare. C’è anche un giardino all’aperto che in inverno viene chiuso e sfruttato ugualmente. Il menù è molto vario e si trovano, oltre alle specialità bavaresi, anche spaghetti, hamburger e insalate, quindi è adatto a tutti i gusti. Anche qui l’intera gamma di birre Forst ovviamente.

I canederli al formaggio della Forsterbräu Merano

Bräustüberl Forst

Questa birreria non si trova proprio a Merano, ma a Lagundo ed è adiacente alla fabbrica Forst. Se siete in zona e amate la birra un salto alla fabbrica va fatto (da metà giugno ad ottobre è possibile, solo per i maggiori di 16 anni, effettuare una visita guidata), soprattutto se capitate durante le feste, in quanto il giardino di fronte alla fabbrica si trasforma in uno splendido villaggio di Natale. La birreria è grande (128 posti), ma nei giorni festivi è sempre piena, quindi occorre prenotare, anche con largo anticipo, in alternativa ci si può mettere in fila all’esterno del locale e aspettare (la cucina è aperta con orario continuato dalle 10:00 alle 21:30 anche se in certi orari il menù è ridotto) oppure scegliere di mangiare nelle altre due all’interno del giardino che non sono proprio la stessa cosa, ma sono comunque valide. Il locale è veramente bello e il menù vario, anche se sempre legato alla tradizione del posto. Ovviamente disponibili tutte le birre Forst alla spina e una piccola selezione di Weihenstephan in bottiglia. Di fronte al locale si trova lo spaccio dove si può acquistare la birra, incluse le edizioni speciali natalizia e pasquale, introvabili altrove, e altri gadgets marcati Forst.

Un particolare dello splendido arredamento in legno della Bräustüberl Forst di Lagundo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *